CATEGORIE
ULTIMI POST
ARCHIVIO
TAG CLOUD

L’importanza del feedback per vederci come ci vedono gli altri e migliorare

Scritto il 14 marzo 2018 - 0 Commenti

Vi è mai capitato di ritenervi persone stimate per poi scoprire che invece siete considerate dagli altri in tutt’altro modo? E di essere sicuri di comportarvi sul lavoro sempre nella maniera più giusta e consona ad ogni situazione, nonostante tali vostri modi di fare non ottengono i risultati sperati? La spiegazione sta nel fatto che molto spesso l’auto percezione, ovvero il modo in cui vediamo e valutiamo noi stessi, differisce dalla percezione che gli altri hanno di noi, e in ambito professionale la seconda è indubbiamente molto più importante della prima.

La domanda quindi è: come poterci rendere conto di come ci vedono gli altri? Sicuramente prestando attenzione ai cosiddetti feedback, volontari e involontari, che le persone intorno a noi ci offrono. Se per esempio nel corso di una riunione di lavoro rilevate che la maggior parte dei presenti non pende dalle vostra labbra, non è interessata a ciò che avete da dire, alle vostre idee e opinioni riguardo l’oggetto della discussione, o addirittura si annoia, potete cercare di identificare cosa cambiare nel vostro modo di agire e di porvi per essere più incisivi e interessanti. Sarà un problema di contenuto, di preparazione, di disistima nei vostri confronti o di modalità comunicativa? Oppure, se invece notate che gran parte dei vostri collaboratori plaude ad ogni vostra parola ma guardando altrove, annuisce in senso di approvazione ma distogliendo lo sguardo o sorridendo in modo forzato, si zittisce immediatamente non appena accennate a prendere la parola, magari complimentandosi in modo eccessivo subito dopo con voi senza in realtà aver capito bene di cosa parlate, sarà utile rendervi conto che probabilmente cercano di dimostrarvi attenzione perché siete il capo, non perché siete rispettati e stimati da loro.

Sono soltanto un paio di esempi, e certamente un po’ estremi, per sollecitare a guardare oltre le apparenze di una reazione positiva o negativa alle vostre azioni, ai vostri comportanti e alle vostre parole. Ciò infatti di cui va tenuto conto non è tanto l’applauso plateale o lo scarso interesse, quanto il significato che si cela dietro quella reazione. Per questo è importante prestare molta attenzione ai feedback, per vederci come ci vedono gli altri, prenderne coscienza e correre ai ripari correggendo taluni nostri atteggiamenti.

E ora giriamo il punto di vista: ogni buon manager dovrebbe sapere quanto è fondamentale per la crescita e per il miglioramento professionale dei collaboratori sentirsi dire dal capo in cosa hanno fatto bene e in cos’altro hanno fallito. Il fornire feedback diretti, sani, sinceri e utili è uno dei compiti fondamentali di ogni leader, purché siano sempre rivolti a mostrare interesse all’attività svolta dal collaboratore quando positiva, e costruttivi in caso di rendimento da perfezionare.

Tag:
Nessun Commento

Scrivi il tuo commento